Douglas MGR-1 Honest John

Facebooktwitterlinkedin

Sviluppato dal Redstone Arsenal, è stato uno dei primi razzi balistici in servizio, assieme all’MGM-5 Corporal. Il prototipo Artillery Rocket XM31, è stato provato per la prima volta il 29/6/1951 e, visti i buoni risultati, a giugno del 1952 è partita la produzione, con le prime consegne nel 1953. Nel 1954 ha raggiunto l’operatività ed è stato dislocato anche in Europa.  

Il razzo Honest John era normalmente lanciato da un autocarro a tre assi M289 o da un M386 con rampa corta semplificata o da un affusto trainato M33. I veicoli di supporto comprendevano le gru M246 o M385, i veicoli M46 o M55 per preparazione/riscaldamento di due missili, i semirimorchi di trasporto M329 e M405 per montaggio o l’M465 per trasporto e montaggio. Il razzo era in tre parti, assemblate prima del lancio. Una termocoperta lo proteggeva, mantenendo il propellente a una temperatura costante di 25°C, se la temperatura esterna scendeva al di sotto. A temperature superiori fungeva da isolante. Se trasportato da un rimorchio M329, la copertura era alimentata da un generatore a benzina da 3,5 kW sopra le ruote di sinistra. Se era sulla rampa, invece, da un altro generatore sul lanciatore. Una volta montato, poteva essere installato sulla rampa con una gru in 5 minuti.

MGR-1A (M31)

Il primo modello era lungo 8,31 metri, aveva un diametro di 58 cm (76 cm la testata), con una apertura alette di 2,64 metri.  Il peso variava tra 2510 kg (convenzionale) e 2640 kg (nucleare). Il motore Hercules M6 a propellente solido forniva 40824-41958 kg/sp per 3,4 secondi, assicurando una velocità di Mach 1,5 a fine combustione.  Il raggio d’azione era compreso tra 5,5 e 24,8/26,5 km, a seconda della testata, con una tangenza sulla traiettoria di 9430 metri. Non era molto preciso: il CEP era di 830 metri.

M31A1 

Modello standard, quasi definitivo, apparso a settembre del 1954 e prodotto fino al 1956, impiegava il motore migliorato M6A1 da 48989 kg/sp.

M31A1C

Aumentava la tolleranza alle escursioni termiche ambientali e presentava diversi miglioramenti costruttivi. E’ stato prodotto dal 1956 al 1959.

M31A2

Modello finale, incorporava i miglioramenti del precedente. In produzione dal 1959 al 1960, è  arrivato ai reparti a giugno del 1959, restandovi fino al 1962

MGR-1B (M50)  Improved Honest John

Il modello iniziale era molto impreciso. Il progetto Honest John Accuracy Improvement Program, dal 17/6/1958 al 16/7/1959, ha portato allo sviluppo della variante M50, per aumentare il raggio d’azione e la precisione. Il prototipo XM50 ha eseguito positivamente i test a White Sands, e nel 1960 è partita la produzione. L’anno dopo il razzo è arrivato ai reparti e nel 1962 è stato posizionato anche all’estero. L’M50 è stato poi ridesignato MGR-1B, apportando retroattivamente il codice MGR-1A ai precedenti M31.

Lungo 7,57 metri, pesava 2136 kg se a testata nucleare o 1965-1980 kg se convenzionale. L’apertura delle alette è stata ridotta a 142 cm per eliminare l’effetto del vento e la velocità di rotazione aumentata per mantenere la stabilità originale.  Pur con un raggio d’azione esteso a quasi 40 km, il margine di errore era sensibilmente ridotto. Impiegava un motore Thiokol più leggero ma con miglior propellente che aumentava la velocità a Mach 2,3. Il raggio d’azione minimo aumentava a 6-8,5 km a causa della spinta maggiore, quello massimo passava a 37-39 km, con una tangenza massima di 17000 metri, che calava a 9056 metri alla massima gittata, con un velocità all’apogeo di Mach 0,98. Il CEP era di 239 metri in distanza e 20 metri in azimuth.

MGR-1C (M50A1)

Nel 1963 è apparsa la variante semplificata M50A1.

L’attacco

Il razzo veniva puntato come fosse un cannone, aumentando l’elevazione della rampa, in 5 minuti. La celerità di lancio era di 3-4 missili ogni 2 ore. Veniva acceso avviando la combustione del propellente mediante corrente elettrica dall’esterno. Il movimento del missile sulla rampa attivava le batterie dei circuiti dei razzi stabilizzatori. Nel momento in cui lasciava la rampa, un interruttore a strappo chiudeva il circuito attivandoli. L’MGR-1B, la variante ammodernata, aveva 4 piccoli razzi M-7 (8 sugli M31, in coppie) ai quattro angoli con spinta perpendicolare all’asse longitudinale che, immediatamente dopo il distacco dalla rampa,  bruciavano in una frazione di secondo esercitando una rotazione tangenziale di 2 giri/secondo per stabilizzarlo e pareggiare eventuali differenze di spinta. Le 4 alette stabilizzatrici in coda erano inclinate a destra di 1° (0,5° per l’M31) e mantenevano la rotazione iniziale, riducendo gli eventuali errori aerodinamici dopo lo spegnimento del motore. Gli oltre 1000 kg di propellente, bruciavano per 4,3-4,5 secondi, assicurando 68321-68040 kg/sp. A fine combustione la velocità nominale era di 762 m/s.

Un detonatore a tempo, regolato a 8 secondi dal lancio, in caso di raggio d’azione minimo, determinava lo scoppio. Se la portata era più elevata, interveniva la spoletta T2078E1 (su M31) con radar altimetro, regolata manualmente tramite HOB selector (Height Of Burst, quota di scoppio, variabile) per esplosione in aria, per esempio a 200 metri. Le due serie di razzi potevano montare le stesse testate;

Nucleare W-7 a potenza variabile da 5-10-20 kT (testate M57A1 e M86). Poi sostituita nel 1959 con la W-31 a fissione in tre varianti da 2 kT (M27), 20 kT (M47) e 40 kT (M48).

Convenzionale HE da 680 kg nominali, dei tipi M6, M57 e M144, da 740 kg, con 550 kg di esplosivo o a frammentazione da 713 kg, con 188 kg di esplosivo.

Cluster, prodotta nel 1977 per la Corea del sud.

Chimica M190 (E19R2) GB da 564 kg, con 356 submunizioni sferiche M139 (E130R2) di 11cm con 590 grammi di gas nervino Sarin (GB). Le M139, con 73 grammi di esplosivo (composition B) e due vani col gas,  armavano la spoletta a impatto tramite rotazione a 1000/2000 giri/min. L’area contaminata era di 0,9 km2.

Un modello precedente simile, la M79 (E19R1) GB del 1960, montabile anche sui Corporal, con  356 M134 (E130R1) per gli M31A1C, non è stata consegnata per vari problemi.

Biologica. Non vi sono dati al riguardo.

Oltre alle testate per addestramento M4, M38 e M72.

Lo Honest John, oltre che nello US Army e nell’USMC, è stato adottato da numerosi paesi: Belgio, Canada, Corea del sud, Danimarca (convenzionale), Francia, Germania, Grecia, Italia, Norvegia (convenzionale) Paesi Bassi, Regno Unito, Taiwan (convenzionale), Turchia. Tra il 1952 e il 1960 sono stati prodotti dalla Douglas 5023 MGR-1A, oltre a 2776 fabbricati dai paesi alleati e, tra  il 1960 il 1965, 7089 MGR-1B/C. Nel 1973 è iniziata la sostituzione col nuovo MGM-52 Lance ma gli Honest John sono rimasti in servizio nella Guardia Nazionale, fino a luglio del 1982. Subito dopo, il razzo è stato radiato dai paesi della NATO, pur restando operativo, con testate convenzionali, fino alla fine degli anni ’90 in  Grecia, Turchia e Corea del sud.

Fonti

The Illustrated Encyclopedia of Rockets and Missiles (B. Gunston) 

Nuclear Weapons of the United States, An Illustrated History (J. N. Gibson)

http://www.designation-systems.net/dusrm/r-1.html

https://www.valka.cz/MGR-1-Honest-John-t671

Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *