Raytheon AN/ALQ-184(V)

Facebooktwitterlinkedin

Nella metà degli anni ’80 oltre la metà dei pod per guerra elettronica era costituita dagli ALQ-119. Frutto della tecnologia degli anni ’60, avrebbero dovuto essere sostituiti perché poco affidabili e di scarsa potenza. Era più facile ottenere fondi per la modifica di pod esistenti. Così la Raytheon ha proposto di riutilizzare gli involucri, aumentando la potenza di 10 volte e il tempo medio tra i guasti (MTBF, indice di affidabilità) da poche decine di ore a molte centinaia. Sono stati rimossi i 2/3 dei componenti lasciando i sistemi in banda E/F al loro posto.

Ma c’era un problema: al tempo della progettazione dell’ALQ-119, il pericolo maggiore veniva dai radar a terra in banda E/F, e il sistema li attaccava irradiando frontalmente. Sul retro invece difendeva dai radar ad alta frequenza.

Ora la minaccia primaria proveniva da radar a terra operanti nelle bande dalla G alla J, pulse Doppler e ad onda continua (CW). La dislocazione originale degli impianti avrebbe provocato perdite di potenza. Ma il loro spostamento era da escludere per motivi di costo. Così, semplicemente, si è deciso di invertire il pod, orientando in senso inverso la presa d’aria, cambiando il sistema di raffreddamento e spostando i radome al contrario. I test sono avvenuti con successo tra il 1980 e il 1981. L’anno dopo è arrivato il primo ordine per 5 pod da utilizzare nei test e kit di  modifica per altri 70. Nel 1989 è iniziata la conversione di tutti i restanti ALQ-119 alla nuova configurazione.

alq184 1

L’ALQ-184 è un pod d’autodifesa per velivoli tattici, realizzato modificando i precedenti ALQ-119, di cui mantiene peso e dimensioni esterne. E’ lungo 3,96 metri. Può essere configurato per due bande  (media/alta) o per tre (bassa e medio/alta). Nel primo caso pesa  210 kg, nel secondo  288 kg. La sezione di controllo analogica è stata sostituita con una digitale, con 15 microprocessori, per le due bande superiori di frequenza. Rimpiazza 80 delle 93 schede originali. L’affidabilità è  migliorata: al posto del precedente TWT ad alto guadagno si utilizzano diversi mini-TWT a media potenza, riducendo voltaggio e temperatura. Il calore generato è dissipato tramite scambiatori con  raffreddamento a coolanol 20, messo in circolo con una pompa ad alta pressione. E’ di problematica manutenzione, perchè la sezione RF è di difficile rimozione. Ma l’elettronica digitale, l’ottimizzazione automatica del guadagno, l’eliminazione degli aggiustamenti manuali ed il Built-in Test incorporato, aumentano la disponibilità e l’affidabilità. L’MTBF è variabile da 150 ore (due bande) ad 80 ore (tre bande). Nel 1989 l’USAF ha scelto l’ALQ-184 nella competizione con l’ALQ-131. Durante la Guerra del Golfo 27 pod sono stati impiegati dagli F-4G Wild Weasel. La loro riprogrammazione rapida è tornata utile.

alq-184 2

alq184 4

L’evoluzione più importante è data dalla sostituzione delle antenne fisse dell’ALQ-119 con antenne a lenti di Rotman  a scansione elettronica ad alto guadagno, una tecnologia utilizzata anche sugli SLQ-32 navali.  Aumenta di 10 volte la potenza irradiata (ERP) in onda continua, con un massimo di 9 kW, e si riduce il tempo di risposta. L’ALQ-184 è considerato più efficace dell’ALQ-131, e ha minore resistenza aerodinamica. Offre  protezione contro missili SAM, cannoni contraerei e radar di caccia nemici tramite emissioni selettive direzionali ad alta potenza contro emittenti multiple. Può affrontare segnali CW, a impulsi e a impulsi Doppler, operando come RPTR, transponder e SPT jammer. Il sistema misura istantaneamente i parametri dei segnali ricevuti, li compara con la libreria interna e identifica la miglior risposta. I segnali prodotti  sono modulati dal generatore di tecniche EW ed inviati agli amplificatori dei mini-TWT per la trasmissione. L’ALQ-184(V) non trasmette finché un contatore di impulsi non indica un “valore soglia” preciso nella frequenza di ripetizione del radar nemico, per evitare il rilevamento passivo.   

alq184 3

Il pod è stato costruito in ben 11 varianti, tra le principali:

ALQ-184 (V)5:  incorpora vari cambiamenti. Il più recente è l’installazione di  kit per  rendere riprogrammabile sul campo la banda bassa, ridurre i costi ed aggiungere nuove modulazioni di disturbo. Modifiche incorporate poi nei modelli successivi.

ALQ-184(V)7: disponibile dal 1997, è una variante per Taiwan utilizzata sugli F-16A/B. E’ stata la prima vendita all’estero del pod, con 130 pezzi ordinati.

ALQ-184 (V)9:  nel 1996 l’USAF ha richiesto l’aggiornamento del sistema con un contratto da 5,2 milioni di $ per i primi 10 esemplari. Nel retro del pod tribanda è installato un contenitore con 4 esche rimorchiate ALE-50(V). La modifica trasforma l’ALQ-184 nel più capace sistema d’autodifesa multi-banda. E’già previsto il passaggio alle esche a fibre ottiche (Fibre-Optic Towed Decoy) BAE Systems ALE-55. La Raytheon sta sviluppando anche un’esca all’infrarosso. La coordinazione tra i due sistemi è garantita dall’Advanced Correlation Processor (ACP) di terza generazione. L’ACP decide se attivare l’ALQ-184 o l’ALE-50 per contrastare nel modo più efficace  la minaccia. Per recuperare spazio per il sistema ALE-50, è stato modernizzato il sistema di controllo della banda bassa. Le 12 schede originali degli anni ’70 sono state sostituite con 2 soltanto degli anni ’90. Aumenta così l’MTBF e l’ALQ-184(V)9 risulta più affidabile dell’originale. Migliora anche l’interfaccia e l’integrazione del pod coi sistemi di bordo RWR e MWR, tramite il MIL-STD-1553B.  

alq184 5

alq184 6

ALQ-184 (V)11: migliora ulteriormente sia il generatore di disturbi che il transponder d’inganno. A seguito di un contratto di aggiornamento del 1996, la  Raytheon ha fabbricato 300 kit di modifica, con opzioni per tutti gli ALQ-184 prodotti. Programma portato a termine nel 2001.

ALQ-184 (V) MWS:  unisce un ALQ-156(V) per rilevamento missili con antenne frontali e posteriori. Possono essere installati due dispenser ALE-40/47(V). E’ possibile il montaggio alternativo di un AAR-44(V)  o un AAR-47A/B.

ALQ-187:  è un ALQ-184(V)  montato internamente, offerto dalla Raytheon come Advanced Self-Protection Integrated Suite (ASPIS)  in alternativa all’ALQ-165 ASPJ e già ordinato dalla Grecia per gli F-16C/D. E’integrato con l’ALR-93(V) e i dispenser ALE-47. Un ulteriore sviluppo ha portato all’ASPIS II, con tecnologia di disturbo DRFM.

La Raytheon ha consegnato oltre 950 pod. L’ALQ-184 è compatibile con F-4, F-15, F-16, F-111, A-7, A-10 e C-130. Nel caso della vendita a Taiwan, i pod e il relativo supporto sono stati acquisiti per circa 1,3 milioni di $ al pezzo.

Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *